16 Apr

Un racconto, di Mavie Parisi

copertina_numero4_annoIII_180

- Pronto, chi parla?
- Buongiorno, siamo della xxxproduction, con sede a XXX.
- Buongiorno, mi dica, in cosa posso esservi utile?
- Telefoniamo perché uno dei nostri addetti stampa ha ricevuto una chiamata da yyy, il famoso regista, che si è innamorato della storia narrata nel suo ultimo romanzo e ci ha proposto di farne un film. Le telefonavamo per discutere dell’acquisto dei diritti…

Sogni, sogni, sogni.
Non credo che ci sia scrittore al mondo che non covi il desiderio di ricevere una simile telefonata, specialmente quando rileggendo il proprio romanzo ne immagina le scene proiettate sul grande schermo e addirittura comincia a fantasticare su quali attori o attrici possano interpretare i vari ruoli.
Io non l’ho mai ricevuta (non ancora, almeno), ma conosco una persona che questa situazione l’ha vissuta per ben due volte.
Si tratta del mio amico nonché eccellente scrittore Francesco Costa.
Ma lasciamo che sia lui stesso a raccontare.

Il primo e il secondo dei miei sette romanzi, “La volpe a tre  zampe” e “L’imbroglio nel lenzuolo”, sono stati trasposti sul grande schermo. ...continua a leggere