10 Dec

Recensione sui Baci mai dati e altre storie: il cinema irriverente di Roberta Torre, di Lisa Dolasinski

copertina_numero4_annoII_160

Introduzione
Tano da morire. Un film cult ormai conosciuto in tutto il mondo che ha segnato l’inizio della carriera di Roberta Torre—regista, sceneggiatrice, e oggi, produttrice italiana—e che ha mostrato l’Italia meridionale in un modo nuovo. L’obiettivo della Torre di fare conoscere allo spettatore il Sud nel suo complesso, invece delle solite rappresentazioni stereotipate, ha portato la regista a trascorrere quindici anni infilandosi nella vita di delinquenti, mafiosi, prostitute, parrucchieri, truffatori e molto altro. Sono queste esperienze che hanno permesso alla Torre di esplorare con forza le problematiche specifiche legate ...continua a leggere