24 Apr

La profonda leggerezza di Luciano Emmer, di Barbara Ottaviani-Jones

copertina_numero2_annoII_160

Luciano Emmer, classe 1918, milanese di nascita, romano d’adozione come molti registi dell’epoca, inizia con cortometraggi documentaristici nel 1938 molti dei quali ispirati da pittori famosi. La passione per i documentari lo accompagnerà anche dopo il suo passaggio ai lungometraggi, determinato dall’incontro con uno dei più importanti sceneggiatori del tempo, Sergio Amidei, con cui instaurerà uno stabile sodalizio che durerà fino al 1961. Nei suoi primi lungometraggi si può notare l’introduzione di ...continua a leggere