Articoli di Stefano Socci

28 Dec

Essere cattivi e irredenti: da Pasolini a Caligari, di Stefano Socci

copertina_numero3_annoIII_180

L’idea della stessa esistenza arcaica, indifferentemente pre o postindustriale, caratterizza Accattone (1961) di Pasolini e Non essere cattivo (2015) di Claudio Caligari, due film piuttosto lontani nel tempo che, quindi, dovrebbero mostrare società diverse, separate dallo spartiacque degli anni Novanta del secolo scorso. Invece scaturiscono da un contesto e da una tensione quasi identici, nonostante Caligari (Amore tossico, 1983; L’odore della notte, 1998) abbia dichiarato di voler rappresentare la fine di una certa generazione pasoliniana mediante l’avvento delle droghe sintetiche. ...continua a leggere

 

10 Dec

Tornatore: l’immagine dominante in Nuovo Cinema Paradiso, Malèna e La migliore offerta, di Stefano Socci

copertina_numero4_annoII_160

Un destino antico
Tornato a Giancaldo, in Sicilia, per partecipare al funerale di Alfredo (Philippe Noiret), il maturo Salvatore Di Vita, detto Totò (Jacques Perrin), firma un autografo in un bar (è un noto regista cinematografico), poi guarda verso l’esterno e, per l’emozione, il bicchiere gli sfugge: la caduta viene rallentata, marcando una sospensione che ci conduce a un’immagine di trent’anni prima. Fuori dal bar, Elena (Agnese Nano), la ragazza che ha molto amato, gli appare identica – bella, bionda, giovane e sorridente – mentre, per lui, il tempo non è trascorso invano. Questa breve scena di Nuovo Cinema Paradiso (1988) è il prologo di una singolare investigazione che culmina nell’incontro fra ...continua a leggere

 

24 Apr

Causarum cognitio: La grande bellezza di Sorrentino, di Stefano Socci

copertina_numero2_annoII_160

1. Bellezza, tempo, viaggio
Jep Gambardella (Toni Servillo), sessantacinquenne elegante, giornalista e scrittore in cronica latenza d’ispirazione, segue l’amico Stefano per visitare un palazzo romano (in cui tre anziane principesse stanno giocando un’emblematica partita a carte) e il suo magico giardino segreto dove, per un attimo, s’incanta nella contemplazione dei pini sotto la luna. Un discorso su La grande bellezza (2013) di Paolo Sorrentino può partire anche da qui ...continua a leggere