Articoli di Lisa Dolasinski

16 Apr

Recensione di 1893. L’inchiesta di Nella Condorelli, di Lisa Dolasinski

copertina_numero4_annoIII_180

“Che cosa si doveva fare? La mia domanda era questa.” 1893. L’inchiesta, il film documentario di Nella Condorelli, si apre con questa domanda retorica del giornalista veneto Adolfo Rossi. Tramite la raccolta di corrispondenze e articoli di Rossi e l’intervento di testimoni storici dell’epoca, il film rievoca un momento storico dimenticato dalla Storia italiana: le lotte per i diritti del lavoro dei Fasci Siciliani dei Lavoratori.
Il 1893, l’anno da cui il film trae il suo nome , segnala il periodo più importante del movimento contadino siciliano (1891-1894) del diciannovesimo secolo. Nell’ottobre di quell’anno scoppiò lo sciopero italiano più lungo e sanguinoso dell’epoca. Ricordato come “la prima grande rivolta popolare antimafia dell’Italia moderna e contemporanea,” questo sciopero è notevole per due motivi principali: fu compiuto da un numero impressionante di contadini, braccianti e operai delle miniere siciliane (più di 300.000), e inoltre , i manifestanti riuscirono a resistere a ogni oppressione per ...continua a leggere

 

10 Dec

Recensione sui Baci mai dati e altre storie: il cinema irriverente di Roberta Torre, di Lisa Dolasinski

copertina_numero4_annoII_160

Introduzione
Tano da morire. Un film cult ormai conosciuto in tutto il mondo che ha segnato l’inizio della carriera di Roberta Torre—regista, sceneggiatrice, e oggi, produttrice italiana—e che ha mostrato l’Italia meridionale in un modo nuovo. L’obiettivo della Torre di fare conoscere allo spettatore il Sud nel suo complesso, invece delle solite rappresentazioni stereotipate, ha portato la regista a trascorrere quindici anni infilandosi nella vita di delinquenti, mafiosi, prostitute, parrucchieri, truffatori e molto altro. Sono queste esperienze che hanno permesso alla Torre di esplorare con forza le problematiche specifiche legate ...continua a leggere